mercoledì 3 febbraio 2016

Cosa vuoi fare da grande?

Me lo ricordo ancora quel giorno. Avevo il grembiulino rosa a quadretti bianchi e la frangetta. I banchi erano a semi-cerchio e la maestra Rossana aveva deciso di solleticare la nostra fantasia: "Cosa vuoi fare da grande?" La domanda era calzante, innocua, ma al tempo suonava così utopica che ognuno di noi si sentiva in diritto di spararla più grande.





Era legittimo voler fare l'astronauta e magari pure l'avvocato, oppure voler fare la parrucchiera e la cantante, era legittimo anche rispondere "voglio diventare Ronaldo" o "vivere in un castello incantato e fare la cuoca." Sì, era legittimo, perché è giusto ed era tanto giusto avere grandi sogni, era legittimo avere grandi aspettative e soprattutto era legittimo averne tante. Il punto è uno: era legittimo? La maestra Rossana davanti a risposte condite da più opzioni si sganasciava dalle risate. "E' no, o fai questo o fai quello!" Ed ecco che qui casca l'asino. Già in tenera età ci viene dato il benvenuto nella società dell'impossibile, la società dove le possibilità sono quelle già scritte, già percorse, già provate, la società per cui conta solo chi ha un unico obiettivo, un'unica intenzione, un'unica scelta. Passa il tempo e continuano a farti quella maledetta domanda, magari sotto forme ingannevoli, tipo "Cosa pensi di fare dopo?" E se hai raggiunto un minimo di consapevolezza, inizi a tremare davanti a quella domanda, anzi no, tremi più che altro all'idea della risposta che darai. Cosa si aspettano da te?Il cervello della maestra Rossana deve esser stato di sicuro clonato e vi motivo subito la mia idea. Fate un esperimento al "Cosa vuoi fare da grande?" provate a rispondere con tutto quello che avete in mente per il vostro futuro e appuntatevi la reazioni. In quanti riescono davvero a capire che quella lista in work in progress rappresenta effettivamente la vostra volontà? C'è chi apertamente vi dirà di crescere e focalizzarvi su qualcosa di preciso e chi invece vi beffeggerà con un "quante idee, oh mamma" e dentro di sé penserà: "non ha uno straccio di progetto, è un fallito!" 

Quando mi chiedono "Cosa vuoi fare grande", premesso che, ahimè, già sono grande, ormai rispondo con un "Troppe cose!". <<Troppe cose>> significa tutto e niente, lascia il dubbio all'interlocutore ma non concede possibilità di scavo. <<Troppe cose>> può esser considerata la risposta più banale del mondo, invece lì dietro c'è un pensiero fin troppo profondo, è un po' come tapparsi le orecchie, un po' come evitare di sentire quel ritornello che ti va stretto, è un po' come tutelare il proprio essere e non permettere alla massa di dettare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Stimo chi ha le idee chiare, stimo chi risponde in maniera secca con un "Voglio fare l'insegnante" e ovviamente accompagna la sua volontà ad un percorso di studi ed esperienze mirate. Stimo chi sa quella che è la sua vocazione e ci mette tutta l'anima per arrivare all'obiettivo. Io stimo queste persone ma dato che siamo "come natura crea" devo adattarmi alla mia indole. L'ho capito sin da piccola, non avrei mai avuto una direzione univoca, mi sono sempre appassionata a tante cose ed ho voluto sempre raggiungerle, provarci e poi passare ad altro, senza mai abbandonare del tutto quel "battito". Qualcuno ancora giudica incongruenti le mie scelte, ma ho imparato a capire che è quella la mia forza e quindi è giusto sfruttarla. Lo spunto di riflessione per questo post è arrivato qualche mese fa, quando mi sono imbattuta in un estratto di conferenza su Ted Talks, dal titolo italianizzato, "Perché alcuni di noi non hanno un'unica vera vocazione". Mi sono ritrovata in tutto- e dico proprio tutto- quello che Emilie Wapnick ha brillantemente raccontato alla platea. Lei per me è diventata un mito, abbiate pazienza ma mi entusiasmo con poco. Lei è una scrittrice, anzi no, è un'artista a tutto tondo, è quello che lei definisce un "multipotenziale", termine che per la società di oggi suona un po' come un insulto, del tipo "Lo vedi quello? E' un multipotenziale!", lo sguardo dell'interlocutore si intristisce ed esce un sentito "Poveraccio!"

Sì, perché il problema non sono le persone che hanno le idee chiare e si specializzano in una cosa, non sono nemmeno le persone che proliferano idee e le coltivano, il problema di fondo è il contenitore che ormai è putrido e quindi cerca di sporcare un po' tutti. La società dovrebbe essere open mind e invece è contagiosamente chiusa, motivo che porta anche molti dei proliferatori di idee a rinchiudersi in quello che dovrebbe essere giusto, ossia, occupare per 8 ore una posizione a caso, portare a casa il proprio stipendio e dedicare il giusto tempo, ossia poco e niente, alle idee più evanescenti. Come sostiene Emilie, la difficoltà di rispondere al "Cosa vuoi fare da grande" non è data dal non sapere cosa voler fare, bensì dall'eventuale moltitudine di interessi. Non è un limite essere curiosi, non è un limite scoprirsi interessati a più settori, non è un limite volersi specializzare in più cose, è semplicemente un modus operandi. Arrivare ad un traguardo e scoprirsi il secondo dopo pieni di interesse verso un altro campo non è troppo negativo, si raggruppano esperienze, si crea il proprio bagaglio e al momento giusto si sfoderano le proprie carte, ripescando dal passato tutti quelli che sono stati gli interessi, perché quelli restano, fanno parte di noi. Avete presente la colonna sonora di profondo rosso? Ecco, da adulti la domanda "Cosa vuoi fare da grande?" si accompagna spesso a quel senso di ansia, incompiutezza e vuoto che quella composizione musicale ti evoca.
La nostra cultura è la cultura dell' AUT...AUT kierkegaardiano, l'uomo deve scegliere una e solo una possibilità per vivere e se non ci riesce, beh, per la cultura sei OUT, sei un perdente. Ma chi diamine l'ha definito questo iter? Continuo a dire che stimo con tutta me stessa chi ha una vocazione, se non fosse per loro non ci sarebbero certezze in medicina, nelle scienze e in ogni settore, ma chi è nato con un'indole-altra è giusto che ne prenda atto e la sfrutti. Vi ritrovate in questo pensiero? Come dice Emilie: Siete un "multipotenziale" che a parole sue equivale a dire  <<(...)una persona con molti interessi e occupazioni creative È uno scoglilingua. Può essere d'aiuto dividerlo in più parti: multi, potenziale. Si possono usare altri termini per esprimere lo stesso concetto, come "eclettico", "uomo rinascimentale". In realtà, durante il Rinascimento, era ritenuto ideale il fatto di essere portato per molte discipline.>>


Lontano da essere un ideale da raggiungere, il multipotenziale è semplicemente un dato di fatto, non bisogna né lodarlo né sopprimerlo. Sintesi di idee, rapido apprendimento e adattabilità, sono queste le tre caratteristiche proprie dei multipontenziali. Solitamente queste persone si collocano in campi multidisciplinari, non hanno paura di lanciarsi in nuove sfide perché sono stati principianti 1,10, 100 volte e non ne subiscono lo stress, semmai il fascino; grazie all'adattabilità riescono a plasmare le loro conoscenze e ad applicarle nell'ambito di interesse, non si precludono nulla ma sanno sempre quando arriva il momento di indirizzarsi altrove. Ti senti più uno specialista o un multipotenziale? Una cosa è certa ed è matematica: siamo tutti registi e in quanto tali abbiamo una mission: fare in modo che il nostro film sia da Oscar e saremo solo noi a deciderlo, nessun spettatore, nessun giudice, noi e i protagonisti che condivideranno con noi il lungo percorso della vita.Credit Photo: Ph Bj Formento- Art Direct Formento & Formento- Make up Grazia Carbone- Hairstyle Barbara Fiorenza

32 commenti:

  1. Sei incredibile in queste foto! <3

    XOXO,
    Eleonora
    It-Girl

    RispondiElimina
  2. Hi, nice blog! Follow for follow? Let me know, I'll follow you back! :)

    https://chicporadnik.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Penso che si debbano fare scelte ragionate e razionali, ma anche assecondare la propria indole. Foto meravigliose.

    Outfit soprabito rosa per l'Inverno
    lb-lc fashion blog
    Bloglovin

    RispondiElimina
  4. Io tuoi scatti sono splendidi come sempre <3

    Federica
    www.thewalkinfashion.com

    RispondiElimina
  5. Io mi ritrovo assolutamente in quello che hai scritto!Infatti non ho ancora la più pallida idea di cosa farò in futuro!
    Il fatto è che mi piacciono troppe cose tutte diversissime tra loro, sono curiosa e mi piace mettermi alla prova, quindi limitarmi a specializzarmi in una sola professione per tutta la vita lo considero quantomeno mortificante (se non proprio uno spreco di tempo)...
    Ovviamente il fattore denaro è importante ma non credo lo sia così tanto da dovergli sacrificare tutto!
    Favolose le foto, sei uno spettacolo! :FD
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. awesome photo's

    http://www.amysfashionblog.com/blog-home/

    RispondiElimina
  7. Seguire sempre le proprie passioni... questo è fondamentale!!!
    Sei daurlo in queste foto, shooting sempre più originali!!!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

    RispondiElimina
  8. Io non so cosa voglio fare, ho qualche idea ma veramente sono indecisa, per ora un piccolo lavoro, che mi piace abbastanza, almeno per ora, bellissime le foto!

    RispondiElimina
  9. La multipotenzialità è una ricchezza e salverà il mondo. E' quel fattore in più, mai sopprimerlo, sarebbe come non vivere. Articolo interessante e come al solito scrittura brillante, è un piacere leggerti!

    RispondiElimina
  10. Pensa che quando a scuola la maestra mi chedeva cosa vuoi fare da grande, io rispendevo senza nessun riserbo : " la mamma " . Nella realtà non ho avuto la possibilità di diventare mammma, ma tutto sommato fino ad ora sono contenta di quello che sono diventata. E poi col tempo cambiano anche le nostre aspettative, per il futuro si vedrà. Un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
  11. ho sempre ammirato chi , fin da piccolo, ha le idee chiare su cosa vuole fare e va avanti su quella strada. io non sono tra loro, per fortuna la mia famiglia non ha mai fatto pressione, e da sempre ero sicura che la mia realizzazione non era tanto nella carriera ma nel personale

    RispondiElimina
  12. ma wow che foto splendide e non posso che concordare con te in queste tue parole!
    anche io faccio sempre cosi alla fatidica domanda!
    xoxo

    RispondiElimina
  13. Io a 19 anni a e o fatto determinate scelte poi pou in la ho capito che la moda era la mia strada ed ho cambiato percorso di studi.Sei bellissima in questi scatti.
    Bacino

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
  14. Io ormai ho una certa ma ancora non l'ho capito cosa farò da grandel l'importante è seguire le proprie passioni! Bellissime queste foto!
    Un bacione! F.

    La Civetta Stilosa

    RispondiElimina
  15. L'importante, secondo me, è seguire la propria indole, fare ciò percui nutriamo passione e interesse, anche se i campi cui ci dovremo applicare potrebbero risultare molteplici..ma soprattutto è importante non avere mai rimpianti...
    complimenti per gli scatti, sei bellissima:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  16. Anche io fin da piccola avevo le idee chiare che da grande ho seguito, aggiungendo mille e più cose di cui non avrei mai immaginato :D Bellissima a Cinecittà!!

    RispondiElimina
  17. In queste foto sei pazzesca. Kiss
    "Simonetta – Colori accesi, scritte e faccine divertenti" ora su http://www.littlefairyfashion.com

    RispondiElimina
  18. questo post è davvero interessante ma, soprattutto, sei uno spettacolo in queste foto. ben fatto. xoxo rita talks

    RispondiElimina
  19. che figo questo Set
    Claudia
    www.claudiasartorelli.com
    facebook & Instagram "claudiasartorelloblog"

    RispondiElimina
  20. Ma che foto meravigliose!!! Belle, belle, belle!
    baci
    Gloria
    the Glamour Taste

    RispondiElimina
  21. questo post mi ha fatto riflettere, perchè proprio in questi mesi mi sento dire continuamente quella frase: ed ora cosa farai? quali sono i tuoi progetti?
    io non so mai cosa rispondere perchè ancora non ho trovato la mia strada del mondo, ma grazie al tuo post ora so cosa rispondere!! ;)

    claudia
    www.piccislove.com

    RispondiElimina
  22. Bellissimi questi scatti in questa location così particolare

    RispondiElimina
  23. mi piace la risposta che dai! ottima direi!

    RispondiElimina
  24. Ma poi chi l'ha detto che bisogna fare una cosa sola? se una è brava in più campi, tanto meglio! :*

    RispondiElimina
  25. Meravigliosa in questi scatti!

    Bacio
    Chiara
    http://estroinlonguette.com/

    RispondiElimina
  26. è vero, se si hanno tanti interessi si desidera fare tante cose. Comunque l'importante alla fine è provarci, se ci si riesce meglio. Fondamentale è assecondare le proprie curiosità che potrebbero trasformarsi nel famoso "lavoro da adulti"!!! Io sono adulta da tanto, troppo tempo e ancora non ho capito bene cosa farò da "grande". :-) A smile please

    RispondiElimina
  27. Proprio l'altro giorno guardavo un video di una coach che parlava delle persone "Multipotenziali"...davvero interessante, e soprattutto ..verissimo!!!!
    Baci
    Cristiana
    www.drunkofshoes.com

    RispondiElimina
  28. Se hai sbagliato strada,"Non è mai troppo tardi per essere quello che vuoi essere ".

    RispondiElimina

Thanks for visiting Impossibile Fermare i Battiti!
If you like my blog,
Follow me on Facebook//Follow me on Twitter //Follow me on Instagram //Follow me on G+